Ribes Nero

Il ribes nigrum, appartenente alla famiglia delle Sassifragaceae, è detto comunemente Ribes Nero, ma

anche Cassis, perché è alla base della crème de Cassis, liquore con cui si prepara il kir.

Si tratta di un arbusto originario delle zone montuose dell’Eurasia, alto fino a 2 metri con fogliame deciduo

e fusti ramoscello. I fiori del Ribes nero appaiono in primavera, raccolti in racemi pendenti, di colore verde

biancastro, poco appariscenti. I frutti sono bacche nere ricche di semi con all’apice le vestigia del fiore e

compaiono in agosto-settembre. Le foglie, le gemme ed i frutti sono intensamente profumati per la

presenza di ghiandole contenenti oli essenziali. Il nome Ribes nero sembra derivare dall’arabo “Ribus” cioè

pianta dai frutti aciduli.

Il “periodo balsamico”, cioè periodo dell'anno in cui una certa pianta medicinale presenta la più alta

concentrazione di principi attivi ed è, di conseguenza, il momento più indicato per la sua raccolta, del Ribes

nigrum è il mese di Luglio. Le parti più utilizzate del Ribes nero in fitoterapia sono le foglie e le gemme.

INDICE ARGOMENTI

  • NOTE STORICHE E SIMBOLISMO
  • RIBES NERO: PRINCIPI ATTIVI
  • PROPRIETÀ DEL RIBES NERO
  • QUANDO È CONSIGLIATO L’USO DEL RIBES NIGRUM?
  • ASSOCIAZIONE DEL RIBES NIGRUM CON ALTRE PIANTE

NOTE STORICHE E SIMBOLISMO

Il Ribes nigrum era sconosciuta a Greci e Romani. Le prime descrizioni di questa pianta del suo uso risalgono

a John Gerardo, che ne descrisse nel 1597, nel suo “General Histoire of Plantes” le proprietà medicinali.

Successivamente, soprattutto grazie ad un trattato del 1712 di P. Bailly da Montaran, il Ribes nero assunse

fama di “panacea universale” contro svariati mali. Fu anche usato durante l’epidemia di peste come

preventivo per evitare il contagio. Il Ribes nigrum cadde poi in disuso alla fine del Settecento, ma ritornò in

voga nella seconda metà dell’Ottocento. Per analogia con il colore nero dei suoi frutti, il Ribes nero veniva

considerato un utile nel trattamento della melanconia (dal greco Melas, nero). La medicina popolare ha

frequentemente e con successo utilizzato le foglie di Ribes nigrum a scopo diuretico e/o depurativo nei

soggetti uremici e sofferenti di gotta, come antireumatico e come rimedio curativo in tutte le sindromi

allergiche. L’infuso delle foglie è anche tradizionalmente utilizzato come antinfiammatorio intestinale, e per

uso esterno per le spiccate proprietà astringenti su pelle e mucose.

RIBES NERO: PRINCIPI ATTIVI

Il fitocomplesso del Ribes nero e ricco di flavonoidi, come la rutina, quercetina e miricetina, con proprietà

antinfiammatorie e analgesiche, prodelfinidine o proantocianidine, con azione antinfiammatoria e

antiedemigena, olio essenziale (con una specifica attività antibatterica) tannini, e vitamine C e P.

PROPRIETÀ DEL RIBES NERO

Il Ribes nigrum è considerato una tra le principali piante ad azione “cortison-like”.

Tale proprietà è legata a più di un meccanismo antinfiammatorio esplicato dai principi attivi presenti nel

fitocomplesso del Ribes nigrum: esso sembra avere infatti la capacità di stimolare la corteccia surrenalica a

produrre steroidi, con l’evidente vantaggio di avere tutti gli effetti che un surplus cortisonico può dare,

evitando al contempo gli effetti collaterali del cortisone di sintesi.

Il Ribes nero, in particolare nella forma di estratto delle foglie, e nelle gemme, ha inoltre importanti

capacità antiradicaliche (conferitele dai flavonoidi, dalle antocianidine e dalle vitamine antiossidanti) che

consentono di impedire l’attacco alle membrane cellulari preservandole “dall’invecchiamento precoce”.

È nota inoltre la capacità dell’ estratto di Ribes nero di ridurre esclusivamente la biosintesi di IgE, che

aumentano i nei casi di allergia; per questo motivo da decenni il Ribes nero è impiegato per la risoluzione di

diversi tipi di sindromi allergiche. L’estratto di foglie di Ribes nero e infine, in grado di contrastare

efficacemente l’internalizzazione del virus influenzale nelle cellule, bloccando così l’infezione. Per questo

motivo può essere vantaggiosamente impiegato nella nella terapia delle sindromi respiratorie enteriche

tipiche del periodo invernale causate da virus influenzale.

QUANDO È CONSIGLIATO L’USO DEL RIBES NIGRUM?

Dopo quanto detto sopra il Ribes nero aiuta il nostro organismo a combattere i diversi tipi di sindromi

allergiche (rinocongiuntivite, orticaria, ecc.) stagionali e non, asma bronchiale, sindrome influenzale,

patologie reumatologiche, sindromi infiammatorie e dermatite atopica. Inoltre è importante evidenziare

che non sono segnalate interazioni farmacologiche di rilievo con il Ribes nero, però va usato con cautela

nelle persone ipertese a causa della sua azione cortison-like, che può causare un aumento della pressione

arteriosa.

ASSOCIAZIONE DEL RIBES NIGRUM CON ALTRE PIANTE

Spesso per combattere le diverse problematiche è consigliato utilizzare il Ribes nigrum insieme ad altri

estratti di piante, vediamo di seguito qualche associazione sinergica.

Nel caso di sindromi dolorose in genere, su base infiammatoria, traumatica o degenerativa, un’ottima

sinergia viene creata dall’utilizzo del Ribes nero associato all’Artiglio del diavolo e alla Boswellia, per le loro

capacità antinfiammatorie e antidolorifici.

Unito all’Elicriso invece, per l’effetto cortison-like, privo degli effetti collaterali di quest’ultimo, è utile sia in

caso di uso topico che di uso interno della pianta, soprattutto nelle problematiche su base allergica e sulle

dermatiti/dermatosi.

Con la Drosera, per la sua attività antispastica e calmante della tosse, invece, il Ribes nero rafforza la sua

azione nel corso di patologie respiratorie su base allergica.

In caso di allergie alimentari ottimo il lavoro svolto dal Ribes nigrum insieme alla Noce, mentre in stati

convalescenziali un grande aiuto arriva dall’Astragalo.

Chiaramente quelle su citate sono tra le associazioni Ribes nero/altre piante più comunemente utilizzate.

IN CONCLUSIONE... ritengo il Ribes nigrum una pianta davvero poliedrica, dalle mille proprietà e veramente

utile per le più svariate problematiche.

Non esitate a contattarmi per ricevere consigli personalizzati…o semplicemente per avere maggiori

informazioni su questa meravigliosa pianta.